stefano peiretti

Nato a Torino nel 1988. Laureato in Informatica presso l'Università degli Studi del capoluogo subalpino.
Consulente informatico, docente e formatore.
Appassionato di didattica, piscologia, pedagogia, teologia, letteratura, musica e iconofìlia.
Diacono transeunte presso la Chiesa Cristiana Vetero-Cattolica in Italia.
Attivista per i diritti civili e le pari opportunità.

Spesso mi domandano: "Quando hai iniziato a scrivere?". Di solito si ha questa strana convinzione che bisogna nascere scrittori per poter scrivere o che bisogna essere laureati in lettere per farlo. Non è così! Ve l'assicuro!

Inizio questa mia nuova attività con la richiesta di scrivere il romanzo sulla vita della prima coppia omosessuale unita civilmente a Torino nel 2016. Ed è così che nel 2017 il romanzo "Franco e Gianni - 14 luglio 1964", scritto a quattro mani, viene pubblicato da Echos Edizioni, con i contributi di Chiara Appendino, Valeria Fedeli e Magda Zanoni. Grazie a questo progetto inizia la collaborazione con la celebre cantante Orietta Berti.

Nel novambre 2018 viene dato alle stampe il mio secondo romanzo "Non sono come tu mi vuoi", scritto a quattro mani ed edito nuovamente da Echos Edizioni, con la prefazione a cura di Orietta Berti e l'introduzione di Monica Cerutti. Questo libro racconta la storia di una ragazza, vittima di violenza da parte del suo ex compagno, usando il punto di vista di un ragazzo, amico della vittima. Al centro del romanzo, vi è la difficoltà di raccontare ad altri le sofferenze patite, con la conseguente distinzione tra la violenza subita e quella percepita.

Nel marzo 2019 viene pubblicato da Pathos Edizioni, "Le trappole dell'anima". Libro che ha interessato per i temi trattati la psichiatra e psicoterapeuta Maristella Fantini che ha voluto dedicarci un'interessante introduzione al romanzo e la famosa Orietta Berti che ha scritto una prefazione al romanzo.

La mia determinazione nel lottare contro le discriminazioni e le violenze continua con l’ultimo mio libro "#CrediInTe" (2020 - Aracne Editore) su bullismo e cyberbullismo per l’attivazione di un progetto nazionale formativo in ambito scolastico sia per i docenti sia per ragazzi in età adolescenziale. Il progetto infatti contiene un'appendice per insegnanti ed educatori a cui hanno contribuito il Prof. Roberto Trinchero (ordinario di Pedagogia Sperimentale dell'Università degli Studi di Torino), il Prof. Mauro Di Tommaso e il giurista Dott. Pier Franco Dagasso.

Promotore delle campagne di sensibilizzazione #vietatoarrendersi e #iocisono.

Sono in cantiere tanti altri progetti editoriali e di utilità sociale. Vi terremo aggiornati!
Buona permanenza.